Ci siamo trasferiti su
WWW.VESUVIOINLOTTA.ORG

____________________________________

Diretta corteo in streaming su WebTV: http://www.livestream.com/vesuvioinlotta




"Una diossina intellettuale sta decretando il Declino e la Caduta dell'Impero dell'Essere Umano...
e se non avessi qualche speranza lascerei perdere." F. Battiato
_____________

.........................................................
Invitiamo i singoli, le associazioni, i centri sociali ad aderire all'appello per la costruzione di appuntamenti di mobilitazione e sensibilizzazione su tutto il territorio comprensoriale.

Contro discariche ed inceneritori. Per il Trattamento Meccanico Biologico (MBT): trattamento a freddo dei rifiuti. Per le dimissioni immediate del presidente dell’Ente Parco Vesuvio e di tutti i sindaci colpevoli dell’ecocidio in atto. Per una stagione dell’autogoverno collettivo. Per un nuovo piano rifiuti deciso dalle comunità locali autorganizzate. Per l’avvio reale della raccolta differenziata porta a porta. Per il salario garantito a precari e disoccupati che qui vivono disperano muoiono. Per Riciclo, Riuso e Compostaggio. Per un piano straordinario di bonifica delle aree inquinate. Contro il capitalismo della catastrofe.


Movimento Difesa del Territorio Area Vesuviana

Collettivo Area Vesuviana

_____________________________________












mercoledì 28 novembre 2007

dal MATTINO DEL 25 NOVEMBRE 2007

MARTEDI' 4 DICEMBRE 2007 ORE 18:30 PRESSO LA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA UN TECNICO DELLA ENERGO ILLUSTRERA' IL DISSOCIATORE MOLECOLARE: FUNZIONAMENTO,COSTI, VANTAGGI DI OTTENERE DALL' INCENERIMENTO DEI RIFIUTI, SENZA EMISSIONI ESTERNE, ENERGIA ALTERNATIVA.
TRA I SINDACI DEI COMUNI INVITATI COMPARE ANCHE QUELLO DI TERZIGNO.
NON SI LEGGONO PERO' I COMUNI DI BOSCOREALE E DI BOSCOTRECASE.
PERCHE'?
POSSIAMO PENSARE DI PARTECIPARE ANCHE NOI, STUPIDI DECEREBRATI UTOPISTI?

1 commento:

Ruby tuesday ha detto...

Ho avuto qualche informazione da una mia collega dell'università:

Nasce un nuovo concetto sulla gestione dei rifiuti, quello legato alla dissociazione molecolare;
Francesco Meneguzzo, ricercatore dell´istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibimet-Cnr) di Firenze, spiega che cos’è il dissociatore molecolare.

«La dissociazione molecolare risolve i problemi che hanno oggi gli inceneritori abbattendo in modo considerevole sia gli impatti sanitari che quelli ambientali. Dal punto di vista del recupero di materia è importante perché i materiali non carboniosi cioè non dissociabili rimangono inalterati per cui è possibile con un procedimento meccanico estrarre per esempio vetro e metalli. L’impianto è inoltre in grado di lavorare il 97% della materia cosicché il residuo finale si aggira intorno al 3% invece che al 20-30% dell’inceneritore (questo è vero bruciando il tal quale, bruciando cdr se ne produce il 7-10%, ndr). Altro vantaggio è la possibilità di trattare il tal quale, cosicché è possibile saltare il passaggio dall’impianto del Cdr (che invece negli inceneritori garantisce l´uniformità delle emissioni, ndr) e infine il gas ha un impiego molto flessibile, perché bruciandolo ha la stessa efficienza energetica di un inceneritore, ma è possibile utilizzarlo anche per l’alimentazione di motori oppure avviato al reforming dell’idrogeno, con efficienza molto superiore».

Il dissociatore molecolare raggiunge una temperatura inferiore ai 400 gradi, mentre gli inceneritori lavorano a 1300 gradi.; l’ambiente in cui lavora è povero di ossigeno, ha quasi assenza di emissione di diossine; inoltre non permette ai metalli e al vetro di subire alcuna trasformazione, pertanto gli stessi possono essere recuperati successivamente e gestiti come materiale da recupero. Non usa combustibili se non quanto basta per raggiungere la temperatura di regime; Si ottiene una diminuzione delle emissioni che si avrebbero con l’uso di gas o di qualsiasi altro combustibile. La stessa tecnologia, lavorando a basse temperature, esclude la formazione di diossine, e non trasporta le polveri insieme ai fumi; le emissioni di polveri risultano inferiori di 100 volte rispetto agli inceneritori.( Fonte Ecquologia) http://www.ecquologia.it

Sicuramente sostituiranno in futuro gli attuali inceneritori….
Ma importante non è trovare solo i rimedi, ma attraverso una corretta presa di consapevolezza diminuire la produzioni di rifiuti e fare in modo che gli stessi, ridotti al minimo, rientrino nel ciclo della trasformazione in energia, nel riciclo o nel riuso