Ci siamo trasferiti su
WWW.VESUVIOINLOTTA.ORG

____________________________________

Diretta corteo in streaming su WebTV: http://www.livestream.com/vesuvioinlotta




"Una diossina intellettuale sta decretando il Declino e la Caduta dell'Impero dell'Essere Umano...
e se non avessi qualche speranza lascerei perdere." F. Battiato
_____________

.........................................................
Invitiamo i singoli, le associazioni, i centri sociali ad aderire all'appello per la costruzione di appuntamenti di mobilitazione e sensibilizzazione su tutto il territorio comprensoriale.

Contro discariche ed inceneritori. Per il Trattamento Meccanico Biologico (MBT): trattamento a freddo dei rifiuti. Per le dimissioni immediate del presidente dell’Ente Parco Vesuvio e di tutti i sindaci colpevoli dell’ecocidio in atto. Per una stagione dell’autogoverno collettivo. Per un nuovo piano rifiuti deciso dalle comunità locali autorganizzate. Per l’avvio reale della raccolta differenziata porta a porta. Per il salario garantito a precari e disoccupati che qui vivono disperano muoiono. Per Riciclo, Riuso e Compostaggio. Per un piano straordinario di bonifica delle aree inquinate. Contro il capitalismo della catastrofe.


Movimento Difesa del Territorio Area Vesuviana

Collettivo Area Vesuviana

_____________________________________












venerdì 28 novembre 2008

NEWS DALLA DISCARICA
Fonti ufficiose del Commissariato (da confermare) ci dicono che i carotaggi sono stati sospesi dopo che sono stati rinvenuti liquami ed altri rifiuti tossici e nocivi (in qualunque punto essi abbiano scavato). Addirittura riferiscono della dissepoltura di una autobetoniera. La blindatura dell'area, qui come a Chiaiano, impedisce un controllo democratico di cià che sta avvenendo. A Chiaiano, dopo la scoperta delle enormi quantità di amianto, è stato permesso alla stampa di entrare. Ma solo tra una settimana, chissà perchè? Cosa ha da nascondere il Commissariato? Occorre aumentare la vigilanza democratica e documentare la situazione nell'area.

5 commenti:

Ruby tuesday ha detto...

Bene. Ora bisogna intervenire...Non è possibile restare a guardare!

Anonimo ha detto...

CHE NE DITE DI CHIEDERE UN SOPRALLUOGO ALLA DISCARICA, MAGARI COINVOLGENDO UN COMITATO DI ESPERTI, FACENDO MAGARI UNA RICHIESTA PER ISCRITTO AI SINDACI O AL COMMISSARIATO (PUBBLICANDOLA POI SUI GIORNALI)? POSSO AVER IL RECAPITO (UNA MAIL) DI QUALCUNO DI VOI DEI COMITATI? CONOSCO IL CONSIGLIERE ORESTE DEL PD DI BOSCOREALE; E' UN RAGAZZO CHE SI E' SEMPRE OPPOSTO ALLA DISCARICA,POTREBBE ESSERE UTILE? CIAO DA ANONIMO STANCO DEI FALSI POLITICI.

feriats ha detto...

sì, nel paese delle meraviglie andrebbe bene. come pure andrebbe bene l'altra iniziativa sollecitata sul blog del volantinaggio fuori alle scuole. mi ricorda i bei tempi del comitato e del presidio, quando si andava fuori alle scuole, si aspettava che i cittadini uscissero dalla messa per informarli su quanto si stava abbattendo sulla loro comunità, si girava per i quartieri, spiegando e cercando di coinvolgere i cittadini. ma non c'è stato niente da fare! non eravamo preti, non avevamo padre pio come nostro vessillo, non eravamo politici, pronti a scambiare favori o ad assicurare impunità su tutte le forme di malefatte, in primis abusivismo, e quindi, cos'altro ci potevamo aspettare se non il fallimento? e così è stato! allora ci siamo rintanati nel bla bla bla tipico di una certa elite post-comunista (chiedo scusa anticipatamente per aver utilizzato questo abominevole termine, comunista), qualche convegno, qualche contatto con personaggi altrettanto elitari, anche se più importanti e famosi (ma ugualmente inconcludenti), il solito riemergente desiderio di contatto con quelli che ci si ostina a definire "politici", il volantinaggio, spiegare alla gente come si fa la differenziata, ecc. ecc. intanto tra poco cominceremo a sorbrci i deliziosi effetti della discarica. a questo punto mi viene in mente un fatterello che si adebitava a questo popolo orgoglioso e combattivo che si sta opponendo all'apertura della discarica. ma sì, è lo stesso popolo che si opponeva alla furia devastatrice del vesuvio allestendo una barriera di "fascetielli" lungo il percorso della lava. è quanto dire!

Anonimo ha detto...

a tutte* le realtà in lotta per una partecipata gestione dei benicomuni, gruppi, associazioni, movimenti di contro informazione ......*a* *tutti* coloro che credono che la drammatica situazione dei rifiuti sia ilprodotto di errate scelte politiche legate agli interessi di gruppi dipotere economico e non funzionali al benessere collettivo. ... *atutti*quelli che ritengono che una .una corretta impostazione dellaproblematicadei rifiuti sia un tassello importante nelle scelte di una società incrisi che ritiene di dover ripensare un cambiamento globale dell' attualesistema di valori, stili di vita, priorità,......privilegiando il benesseredella collettività... le opportunità occupazionali...l' equità sociale....ilrispetto dell'ecosistema che ci ospita..........

La rete nazionale rifiuti zero e la rete campana salute e ambiente invitano alla presentazione delquinto "DIALOGO INTERNAZIONALE" PROMOSSO A NAPOLI PER IL 18-19-20-21 DALLA ZEROWASTE INTERNATIONAL ALLIANCE che si terrà domenica 4 gennaio alle 10.30 invia Cisterna dell'olio 22 sede Cobas alle 10. 30



APERTE LE REGISTRAZIONI AL QUINTO

“DIALOGO INTERNAZIONALE” PROMOSSO A NAPOLI PER IL 18-19-20-21 DALLA

ZERO WASTE INTERNATIONAL ALLIANCE.

NAPOLI AL CENTRO DEL MONDO CHE SI BATTE PER RIFIUTI ZERO.

La “quattro giorni di Napoli” che si svolgerà nel febbraio 2009 rappresenta un GRANDE EVENTO

E NASCE DA UNA SFIDA VOLUTA DALLE REALTA’ ITALIANE (in primis dalla Rete

Nazionale Rifiuti Zero) IN PIENA SINTONIA CON LA ZERO WASTE INTERNATIONAL

ALLIANCE. Era stata la Global Alliance for Incinerator Alternatives ( scritto “quattro mani” con la

Rete Nazionale Rifiuti Zero) a lanciare un appello internazionale per Napoli nel dicembre scorso “

Zero Waste, Zero problems”affermando che la “tragedia di Napoli” / tuttora in corso a dispetto delle

falsificazioni mediatiche/ poteva costituire anche UNA GRANDE OPPORTUNITA’ PER UNA

SVOLTA A FAVORE DELL’ASSUNSIONE DELLA STRATEGIA RIFIUTI ZERO. Grandi

metropoli internazionali come San Francisco, Buenos Aires e Los Angeles lo hanno fatto,

PERCHE’ NON FARLO A NAPOLI? Cosi’, da TUTTO IL MONDO, arriveranno a Napoli

delegazioni di amministratori, pubblici funzionari e consulenti, nonché attivisti impegnati a

promuovere e in molti casi ad implementare la strategia rifiuti zero parlando e diffondendo le

“migliori pratiche” di riduzione, di riuso, di raccolta differenziata, di “Responsabilità Estesa dei

Produttori”e di “ECONOMIE DI COMUNITA’” basate sulla riparazione-riuso dei beni e sul

recupero di materiali. Ma gli esperti e gli attivisti parleranno anche di COME RISOLVERE LA

CRISI CAMPANA EVITANDO INCENERITORI E DISCARICHE ( e facendo anche i conti con

l’eredità “tossica” di BASSOLINO rappresentata dalla vergogna di alcuni milioni di tonnellate di

“eco-balle”). In breve, quello del febbraio 2009 sarà sicuramente un EVENTO CHE LASCERA’

UN SEGNO IMPORTANTE NON SOLO NEL CONTESTO CAMPANO MA ANCHE IN

QUELLO ITALIANO. Chi volesse registrarsi fin da subito può farlo segnalandolo ad

ambientefuturo@interfree.it -- retecampanasaluteambiente@noglobal.org

www.ambientefuturo.org - www.rifiutizerocampania.org

Ruby tuesday ha detto...

Pubblicato in bacheca..