Ci siamo trasferiti su
WWW.VESUVIOINLOTTA.ORG

____________________________________

Diretta corteo in streaming su WebTV: http://www.livestream.com/vesuvioinlotta




"Una diossina intellettuale sta decretando il Declino e la Caduta dell'Impero dell'Essere Umano...
e se non avessi qualche speranza lascerei perdere." F. Battiato
_____________

.........................................................
Invitiamo i singoli, le associazioni, i centri sociali ad aderire all'appello per la costruzione di appuntamenti di mobilitazione e sensibilizzazione su tutto il territorio comprensoriale.

Contro discariche ed inceneritori. Per il Trattamento Meccanico Biologico (MBT): trattamento a freddo dei rifiuti. Per le dimissioni immediate del presidente dell’Ente Parco Vesuvio e di tutti i sindaci colpevoli dell’ecocidio in atto. Per una stagione dell’autogoverno collettivo. Per un nuovo piano rifiuti deciso dalle comunità locali autorganizzate. Per l’avvio reale della raccolta differenziata porta a porta. Per il salario garantito a precari e disoccupati che qui vivono disperano muoiono. Per Riciclo, Riuso e Compostaggio. Per un piano straordinario di bonifica delle aree inquinate. Contro il capitalismo della catastrofe.


Movimento Difesa del Territorio Area Vesuviana

Collettivo Area Vesuviana

_____________________________________












mercoledì 19 marzo 2008

lettera al Presidente della Repubblica

Il dott. Gennaro Esposito di Saviano mi ha chiesto di poter divulgare la lettera al Presidente Napolitano


Roccarainola, 10 febbraio 2008
Al Presidente della Repubblica
On.le Dott. Giorgio Napolitano
Palazzo del Quirinale
00187 ROMA
Onorevole Presidente,
viviamo nel “Triangolo della morte”, una Terra alla quale siamo visceralmente attaccati, la Terra meravigliosa della nostra infanzia, abbandonata da uno Stato distratto e, sovente, complice di mestatori che l’hanno ridotta un malato allo stato terminale.
Con determinazione, costanza, passione e rabbia abbiamo reiteratamente manifestato al Rappresentante dello Stato sul territorio, il Prefetto di Napoli, (possiamo fornire le prove) tutta la nostra preoccupazione per l’inesorabile declino socio-ambientale di una parte cospicua di quella Campania una volta felix; è amaro constatare che siamo stati come il Battista: “vox clamantis in deserto”.
Il perdurante silenzio del Signor Prefetto di Napoli offende la nostra dignità, umilia la nostra intelligenza, fiacca il nostro morale, oscura il nostro domani, ci fa sentire cittadini di serie B.
Il Triangolo di cui parliamo racchiude al proprio interno il territorio che parte da Tufino (due discariche più un impianto di trito-vagliatura sotto sequestro giudiziario), passa per Nola-Marigliano (nove cave in tre chilometri quadrati; discariche abusive di rifiuti tossici; impianto di depurazione non a norma; regi lagni vettori di liquami tossici e prossima sede di un sito di stoccaggio) per finire ad Acerra (sede dell’impianto di incenerimento di rifiuti più grande ed obsoleto d’Europa).
Estremamente preoccupati per l’aumento esponenziale dei livelli di diossina riscontrati dalle nostre parti (abbattuti migliaia di capi di bestiame contaminato) abbiamo formalmente chiesto alle autorità sanitarie ( ASL NA4; Assessorato regionale alla sanità; Ministero della Salute) di essere sottoposti ad indagini diagnostiche per verificare il livello di contaminazione del nostro organismo: siamo stati ignorati!
Abbiamo, quindi, chiesto aiuto al nostro Vescovo che, sposando senza se e senza ma la nostra causa, ha rivolto alle medesime autorità sanitarie l’accorato appello il cui testo alleghiamo alla presente: è stato ignorato!
Due nostri concittadini, a proprie spese, (alleghiamo copia delle fatture) si sono sottoposti alle indagini negate dalle predette autorità; alleghiamo i risultati: sono sconvolgenti!
L’ASL NA 4 , a cui sono stati resi noti detti risultati , tace. Tace vergognosamente. Tace scandalosamente.
Illustre Presidente,
a questo punto siamo sicuri che condividerà fino in fondo la nostra totale assenza di fiducia in uno Stato che non ci tutela da rischi così gravi.
Siamo altrettanto sicuri che comprenderà la nostra estrema difficoltà a votare alla prossima tornata elettorale in previsione che quelli che ci hanno rappresentato fino ad oggi continueranno a rappresentarci anche domani. Abbiamo fondato motivo di credere che per noi abitanti del “Triangolo della morte” nulla cambierà, siamo e continueremo ad essere cittadini di serie B.
Per quanto sopra affidiamo alle Sue mani (e solo alle Sue) i nostri certificati elettorali, pronti a riprenderli non appena lo Stato riprenderà il pieno, totale ed esclusivo possesso della nostra terra.
La salutiamo con i sensi della nostra più alta stima e della massima riconoscenza.

Gennaro A. Allocca
Via Difesa, 1
80030 Roccarainola (Na)

Gennaro Esposito
Via Molino, 9
80039 SAVIANO (NA)

Bruna Gambardella
Via A. Ciccone
80039 SAVIANO (NA)

Allegati:
Appello alle autorità sanitarie di S.E. Mons. Beniamino Depalma – Arcivescovo Vescovo di Nola, del 12 luglio 2007.
Copia delle fatture delle analisi sulla diossina.
Copia delle analisi sulla diossina.

2 commenti:

Pietro ha detto...

Ho pubblicato questa lettera anche sul Blog Di Voce Nueva…..

Tanta rabbia e poche parole:))

Saluti Pietro/Brassen

http://vocenueva.splinder.com/

Anonimo ha detto...

Napolitano ha restituito la tessera elettorale al dott. Gennaro Esposito...senza una parola di accompagnamento o di risposta alla lettera.
lascia sconfortati e raccapricciati!il problema non esiste!la diossina nelle mozzarelle non esiste!la gente non esiste....e dunque lo stato, mi domando e chiedo, esisterà? se tutto ciò non esiste...quel che esiste è, ne sono certo ,i voti che tutta questa gente che non esiste dovrà portare il giorno 13 aprile, sicuramente saranno voti fantasma,di gente che non esiste....quel giorno sarà un giorno...vermente MAGICO!